ASSEMBLEA ANNUALE AVIS MONTICHIARI 2016 SI PUÒ DARE DI PIÙ…IL SANGUE PER ESEMPIO

 

Ha aperto l’Assemblea Annuale della sezione locale Avis “Francesco Rodella” il Presidente Paolo Bettenzoli, ricordando con un minuto di silenzio i donatori e gli amici che ci hanno lasciato nel 2015, in primis Francangelo Bignotti, ex Presidente Avis, esempio di generosità e correttezza, che ha lasciato un grande vuoto. A lui e a tutti gli avisini scomparsi un sentito Grazie. Grazie anche al Direttivo e a tutti i collaboratori che mi aiutano e mi supportano -ha rimarcato Bettenzoli- nelle molte attività promosse dall’Avis. Nel 2015 i donatori attivi sono stati 638 ( 630 nel 2014), 77 nuovi donatori iscritti, a fronte dei 66 definitivamente sospesi. Ben 366 sono al di sotto dei 45 anni e questo fa ben sperare per il futuro della nostra sezione. In totale sono state effettuate 1075 donazioni ( 1046 nel 2014), in 20 date suddivise tra venerdì, sabato e domenica. Dalla prossima, il 4 marzo, le donazioni verranno effettuate nella nuova sede. Il 2015 è stato l’anno dei festeggiamenti per il 65° di Fondazione della nostra sezione. Alla grande Festa del 19 aprile hanno fatto da corollario: la pubblicazione del libro dedicato alla storia della nostra Piazza, il concerto delle Corali di Maderno e Montichiari nella Pieve di San Pancrazio, il 38° Cicloraduno, il Convegno sui Farmaci generici in collaborazione con il Dott. Piotti, la 18° Borsa di Studio “Francesco Rodella”, incontri al Don Milani in collaborazione con Aido e altre associazioni locali per la realizzazione del sito weeb “Forum della salute”, e la ristrutturazione della palazzina all’ingresso Ospedale, ora nuova sede e Centro di raccolta sangue”, che verrà inaugurata a breve. L’assessore Baratti, in doppia veste di avisino e rappresentante dell’Amministrazione Comunale, ha portato i saluti del Sindaco dott. Fraccaro e ha ringraziato l’avis per il alloro prezioso e silenzioso che contraddistingue la famiglia avisina, nella quale è bello respirare un clima di amicizia. Il vice Presidente nonché tesoriere Pino Policarpo e il revisore dei conti dott.Antonio Galuppini hanno esposto il bilancio consuntivo 2015 e preventivo per l’anno in corso: la buona conduzione a livello familiare, incentrata sul risparmio da formichine previdenti, agendo con coscienza, amore e rispetto per chi ci ha preceduto e per chi ci succederà, ha permesso di affrontare le spese straordinarie per la festa e soprattutto permetterà di affrontarle per la nuova sede con la giusta tranquillità. Sede che è stata data in comodato d’uso dall’Ospedale all’Avis Provinciale, che ha anticipato i costi. L’avis monteclarense rimborserà il prestito nel più breve tempo possibile. Il Direttore Sanitario dott. Romano Ciampa, colonna portante da tantissimi anni della nostra sezione, al quale va il nostro più sentito Grazie, ha ribadito che il problema è sempre lo stesso: aumenta la richiesta di sangue e siccome il sangue non si fabbrica in laboratorio, bisogna continuare a sensibilizzare i giovani, per far sì che nasca la cultura della donazione. L’Italia è autosufficiente per quanto riguarda il sangue, ma non per il plasma e derivati; i controlli sempre più rigorosi sono indispensabili a salvaguardare la salute dei donatori e dei riceventi. Questo comporta inevitabilmente delle sospensioni: ecco perché è importante avere scorte di sangue e numero sufficiente di donatori effettivi. Il rappresentante Avis Provinciale sign. Rizzardi ha ricordato una frase molto significativa di Don Primo Mazzolari: ”Nessuno potrà star bene se non condivide il suo bene con gli altri”. L’Avis è una forte testimonianza di come molti volontari, anonimamente e gratuitamente, sono sensibili e disponibili a condividere se stessi e la propria salute con chi ha bisogno.

Ornella Olfi